NotizieCanada_export

Vi segnaliamo l’articolo scritto da Paolo Quattrocchi, per la rivista Alimenti&Bevande, punto di riferimento per chi desidera ricevere un tempestivo e pratico aggiornamento in materia di igiene, sicurezza e controlli dei prodotti alimentari nei processi di produzione, trasformazione, trasporto, distribuzione e vendita.

EXPORT IN CANADA: Il sistema normativo passato e recente
In aprile, il Safe Food for Canadians Regulation sarà applicabile

Il Canada è il  secondo Paese più esteso del mondo (dopo la Russia) e il suo confine con gli Stati Uniti d’America, 8.893 km, è il più lungo tra quelli che separano due Stati. Abitato per millenni da popolazioni aborigene, il Paese fu colonizzato da francesi e inglesi all’inizio del  XVII secolo,  in prossimità della costa atlantica. Attualmente è uno Stato federale governato con un sistema parlamentare, nell’ambito di una monarchia costituzionale, il cui capo è Elisabetta II del Regno Unito.

Il Canada e è diventato una piattaforma commerciale molto interessante a seguito dell’entrata in vigore, in via provvisoria, lo scorso 21 settembre, del “Comprehensive Economic and Trade Agreement” (Ceta) con l’Unione europea e della precedente sottoscrizione ed approvazione del “Trans Pacif Partneship” (Tpp) con 16 altri Paesi dell’area pacifica, dal quale, invece, sono recentemente usciti gli Stati Uniti. Rappresenta, quindi, un naturale ponte tra l’Europa ed i Paesi del Nord America (Usa e Messico), legati dal “North American Free Trade Agreement” (Nafta), e l’Asia. Con i suoi 35 milioni di abitanti, costituirà per l’industria dei servizi una grande opportunità da sfruttare verso l’Europa e per quella della trasformazione un interessante trampolino per il Nord America e l’Asia. Siamo pronti?

Per leggere l’intero articolo clicca qui